Sabato,11 luglio 2020

Organizzato dall’Associazione VITAA, Slovenia, come parte del raduno LifeNet 2020

Programma preparato da Marko Pogančnik in collaborazione con Damir Sačiragić, Ljuba Južnič e Barbara Buttinger-Förster

Un gruppo di 45 partecipanti all’incontro LifeNet 2020 avrebbe dovuto viaggiare in Bosnia e Herzegovina dal 7 al 12 luglio. Siccome le frontiere sono chiuse abbiamo deciso di creare il viaggio in forma telepatica.

Il seminario è basato sulla comunicazione telepatica, quindi sei libero di sceglierti un posto da dove partecipare. Puoi trovare versioni di questo workshop in diverse lingue sulla pagina web del raduno LifeNet 2020: http://www.lifenet.si/meditations

Non ti preoccupare per le differenze d’orario, lavoriamo in sintonia con il sole quindi inizia alle 9.00 della tua zona di fuso orario.

Non diffondere il programma di questo seminario su social-media come facebook. È invece permesso di invitare amici o collaboratori fidati invitandoli via e-mail.

Guarda i disegni allegati!

Tieni vicino il programma stampato o in forma elettronica sul computer/cellulare in modo di poterti attenere all’orario.

Sabato, 11 Luglio 2020

9.00 – 9.20: Sintonizzazione del gruppo

  1. Ci prendiamo il tempo per sentire la presenza di tutti noi e cominciamo a formare il cerchio. Che sensazioni hai rispetto la nostra compagnia di viaggiatori? Conosciamoci tra di noi!
  2. Ora invitiamo i guardiani della Bosnia e gli esseri elementari del suo paesaggio che sono pronti ad aiutarci nel nostro lavoro e di unirsi al nostro cerchio. Invitiamo anche gli amici dal regno degli angeli e degli antenati. Prova cosa senti stando nel cerchio insieme a tutti questi esseri.
  3. Adesso dobbiamo creare il pullman eterico sul quale viaggeremo. Immaginati di stare seduti tutti insieme con gli esseri invitati in uno spazio sferico simile a un tunnel avvolto da membrane colorate. Goditi questo veicolo con cui viaggeremo nell’aria, fermandoci in certi luoghi. Di tanto in tanto durante il viaggio ricordati con gratitudine del nostro bus di luce che ci permette di viaggiare in Bosnia nella situazione attuale di quarantena globale.

9.20 – 9.30: Sintonizzazione con la Bosnia ai piedi delle poderose cascate di Jajce

Qui, un fiume intero, il Pliva, casca da un alto lastrone di pietra per unirsi giù al fiume Vrbas. Ci troviamo come gruppo su un altopiano tra la cascata e il fiume. Il posto è pieno di goccioline d’acqua provenienti dalla cascata.

  1. Siccome viviamo in un mondo prosciugato grazie alla mentalità prevalente e l’organizzazione meccanicistica del mondo, l’ambiente acquatico della cascata di Jajce ha un effetto curativo. Prova a sentirlo.
  2. Immaginati che il nostro gruppo in cerchio leviti nel mezzo di questo ambiente acquatico.
  3. Senti come ti libera dalla siccità della cultura moderna. Diffondi la tua esperienza nel mondo per ispirare i tuoi compagni umani a liberarsi a loro volta dagli schemi mentali che prosciugano la nostra sensibilità verso gli esseri della natura e gli esseri umani.

9.30 – 9.50: Il complesso di piramidi a Visoko

Nell’anno 2016 un gruppo di artisti di LifeNet ha creato un’installazione di geopuntura con 24 pietre sotto l’entrata delle gallerie di Ravne; queste conducono verso la Piramide del Sole di Visoko. Possiamo usare l’installazione come entrata al complesso di piramidi di Visoko. Sii consapevole che la cultura delle piramidi bosniache, come pure quelle che visiteremo più tardi, esistono ancora nella memoria dei loro luoghi e possibilmente anche come realtà parallele.

  1. Quando ci arriviamo non mettiamo i piedi sul suolo. Invece “atterriamo” sopra le pietre della geopuntura. Portano dei cosmogrammi scolpiti che riguardano diversi aspetti delle piramidi bosniache, della Bosnia e dell’Europa. Sii consci di loro.
  2. Il suolo sotto le pietre è coperto da uno strato eterico sottile simile alla lava; si muove continuamente creando pattern organici.
  3. Saliamo su questo campo energetico per essere trasportati nelle gallerie di Ravne che portano alla cavità interna della Piramide del Sole. Fermati dove vuoi per fare le tue esperienze.
  4. Poi continui sul campo di lava finché arrivi all’interno della Piramide del Sole. Esplora il suo spazio interno.
  5. Da lì puoi andare avanti fino ad arrivare o alla Piramide del Drago (incontra il drago – le forze primordiale della Terra), oppure fino alla Piramide della Luna (dedicata alle qualità femminili)
  6. Se durante la tua visita dovessi incontrare delle difficoltà, usa la dinamica della luce viola per trasformare l’ostacolo.

9.50 – 10.00: Breve pausa per bere un bicchiere d’acqua e prendere nota delle esperienze

10.00 – 10.20: Visita alle grandi sfere di pietra a Zavidovići

In Bosnia esisteva un’altra cultura molto antica che ci ha lasciate delle sfere perfettamente rotonde. La più grande a Zavidovići ha un diametro di più di 3 metri. È quella che andremo a visitare.

  1. Immaginati che la sfera di pietra di Zavidovići sia come un centro intorno al quale ci muoviamo graziosamente come dei pianeti. Senti la sua qualità.
  2. Poi apri il tuo cuore e permettiti di venire attratto dalla sfera di pietra finché non entri attraverso di essa nella realtà parallela che esiste oltre il piano materiale.
  3. Tra i tesori ivi custoditi prendi una manciata di quelle qualità di cui in questi tempi c’è ne bisogno.
  4. Portale fuori nel mondo in Bosnia e diffondile tra le culture e la natura qui e nel mondo intero.

10.20 – 10.40: Sarajevo

Per sperimentare Sarajevo, la capitale della Bosnia, andremo a visitare Benbaša, il suo luogo d’origine. È lì che il fiume Miljacka emerge dal suo canyon prima di riversarsi nella grande valle dove si trova Sarajevo. Pareti di roccia su ambedue i lati del fiume creano un alto spazio cilindrico. Ma il fiume è sbarrato da una diga, il suo flusso si è quasi fermato.

  1. Per prima cosa dobbiamo fare il rituale Gaia Touch della lacrima della grazia (vedi appendice) per trasformare le tristi memorie dell’assedio di Sarajevo durante l’ultima guerra così come tutti gli strati di oppressione relative a Sarajevo e alla Bosnia e Herzegovina.
  2. Immaginati di stare con il nostro gruppo in alto sopra il luogo e di versare la lacrima del perdono e della grazia divina sul posto e sui suoi vari livelli di energia grigia.
  3. Dopo aver fatto questo guardiamo nella profondità della Terra e vediamo sorgere il disco del Sole verticalmente dallo spazio cilindrico di Benbaša, venendo dal cuore della Terra.
  4. Quando il Sole supera le pareti rocciose del canyon inizia a spargere i suoi raggi su tutto il paese arrivando molto in là nella zona dei Balcani.
  5. Senti la sua benedizione.

10.40 – 11.00: Fai una pausa per bere una tazza di caffè e prendi nota delle esperienze.

11.00 – 11.20: La cultura di Stečak

I Stečak sono delle pietre megalitiche che compaiono di solito sulle colline e le montagne della Bosnia e della Herzegovina. Hanno la forma di grandi lastre orizzontali oppure di una casa. A volte sono riccamente decorate. Sono originate da un’antica cultura sconosciuta e furono riutilizzate nel medioevo dai Bogumils, una cultura cristiana alternativa che corrisponde ai Catari francesi. Visiteremo alcuni gruppi di Stečak sulle catene montuose di  Bjelašnica, non lontano da Sarajevo.

  1. Viaggiamo con il nostro “bus” eterico per l’atmosfera fino ad arrivare uno dei posti di Stečak con le pietre megalitiche posizionate sulla cresta del drago. Non scendiamo dal bus per mettere piede sul suolo. Invece usciamo dal bus in alto sopra il luogo.
  2. Da lì ci avviciniamo ai Stečak essendo consapevoli dei diversi strati della loro aura.
  3. Scegliti una della pietre per entrare attraverso di essa nell’interno della montagna.
  4. Fai conoscenza con la cultura di Stečak e con i loro esseri che si sono dovuti ritirare nell’interno della Terra dopo che la razza umana divenne dominante sul pianeta.
  5. Tornando al nostro bus porti con te alcune della qualità di quella cultura per il mondo esterno, come un’ispirazione per i compagni umani affinché sveglino la loro essenza e la loro verità.

11.20 – 11.30: Chiudiamo la sessione mattutina, ringraziamo le nostre guide di viaggio – ci vediamo di nuovo alle ore 15.00

15.00 – 15.10: Ri-connessione e salita sul nostro bus telepatico

15.10 – 15.20:

Nel pomeriggio andremo a visitare la parte mediterranea della Bosnia che si chiama Herzegovina. Partiamo dal canyon del fiume Neretva, sbarrato in diversi posti da dighe, fermo e imprigionato in enormi laghi artificiali.

  1. Immaginati che stiamo sulla riva di uno di questi laghi artificiali.
  2. Inchinati e prendi un po’ d’acqua nelle tue mani.
  3. Chiedi la benedizione divina. Essa cade come una pioggia dorata nelle tue mani.
  4. Diffondi l’acqua benedetta sopra il fiume.

Se ti rimane del tempo, puoi visitare le enorme pietre di Drežnica nel canyon del Neretva.

15.20 – 15.30: Mostar

Mostar è la capitale della Herzegovina che si trova laddove il Neretva emerge dal suo canyon. Mostar è famosa per il suo ponte ad archi che fu distrutto durante l’ultima guerra ed è stato ricostruito di recente. La città è divisa in una parte musulmana e una cristiana.

Ci avviciniamo al Ponte di Mostar levitando con il nostro “bus” sopra il fiume Neretva.

Ci fermiamo quando arriviamo sotto il ponte e apriamo i nostri cuori come mille soli irradiando amore e pace sulla città divisa e i suoi abitanti.

15.30 – 15.50: Medjugorje

Medjugorje è conosciuta per i messaggi di Madre Maria ricevuti dal 1983 da un gruppo di bambini che ora sono uomini e donne adulti. Marko è stato presente quando dieci anni fa è stato ricevuto uno di questi messaggi. Questa meditazione segue le sue percezioni avute durante la visita.

  1. Immaginati che stiamo intorno alla piazza sopra il villaggio dove vengono ricevuti i messaggi di pace da quasi quattro decenni.
  2. Dal suolo emerge una sfera argentea della presenza di Gaia, la creatrice della vita. Senti la sua presenza e ascolta ciò che ti dice.
  3. Poi la sfera si divide in innumerevole micro-sfere. Alcune toccano il tuo spazio cuore. Altre trovano la via al di fuori dal nostro cerchio per la Herzegovina e la Bosnia, per toccare i cuori delle persone che sono consciamente o inconsciamente aperte alle loro benedizioni.

15.50 – 16.10: Stolac

La città di per se non è importante, ciò che è molto speciale è l’altopiano sopra Stolac con dei muri ciclopici di un antico santuario chiamato Daorson. Esso possiede la fantastica capacità di collegare la Bosnia e i Balcani alla sorgente dell’ispirazione cosmica in alto alla la matrix (agli archetipi) nell’acqua della vita nelle profondità in basso.

  1. Immaginati di radicare dei fili d’oro in punti diversi della Bosnia, Herzegovina e dei Balcani (il grembo sacro d’Europa), alzando poi molti di essi alla stella nel cielo che conosce la finalità cosmica di quei paesi.
  2. Successivamente immaginati di radicare dei fili sottili d’argento in quei luoghi della Bosnia, Herzegovina e dei Balcani.
  3. Prendi questi fili e portali nelle profondità, all’oceano della memoria all’interno del nucleo della Terra.
  4. Collegali alla matrix (agli archetipi) del grembo d’Europa (i Balcani).
  5. Assicurati con cura che i fili d’oro ascendenti e i fili d’argento discendenti creino un pattern forte e perfettamente equilibrato che sia in grado di far nascere il nuovo spazio planetario per l’Europa e per il mondo.
  6. Entra in questo spazio e senti la sua qualità

16.10 – 16.20: Conclusione

Sulla via del ritorno ci fermiamo al Lago di Bohinj nelle Alpi Giuliane dove si svolgerà domani, domenica 12 luglio, la celebrazione per la Rete della Vita (LifeNet) e dove lavoreremo al suo rinnovamento.

  • Formiamo il nostro cerchio sopra il Lago di Bohinj ai piedi del Monte Triglav, ci ringraziamo reciprocamente per le esperienze che abbiamo riportate dalla Bosnia e ringraziamo tutti gli esseri che ci hanno accompagnati e ispirati benevolmente.
  • A domani, stesso luogo alle 9.00 del mattino per il raduno telepatico LifeNet 2020.

Appendice

Il rituale Gaia Touch della lacrima della grazia divina

  1. Alza le tue mani nel gesto della preghiera al livello del tuo cuore e fai cadere la goccia della tua compassione (relativa a una persona, un luogo o una situazione) nello spazio fra le tue mani.
  2. Inchinati verso la Terra, arrivando con la tua immaginazione fino ai regni nelle profondità di Gaia, la madre della vita. Forma una coppa con le mani e chiedi a Gaia una goccia del suo perdono relativo al disturbo o al ferimento fatto ad un dato aspetto della vita, di un luogo o dei suoi esseri.
  3. Raddrizzati e porgi la coppa delle tue mani (che contiene già la goccia della tua compassione e ora anche quella del perdono di Gaia) verso il cielo, chiedendo per la goccia della grazia divina.
  4. L’acqua guaritrice è ora stata raccolta in maniera omeopatica. Accompagna la coppa delle tue mani con la tua immaginazione verso meta prefissata. L’intento del tuo cuore e l’attenzione della tua consapevolezza costituiscono insieme un ponte per guidare l’impulso di guarigione nel posto dove c’è bisogno che esso arrivi.
  5. Ringrazia. Basato sul principio della fede personale e della telepatia, questo rituale può lavorare a distanze molto grandi.

3 Comments

  1. Dina Girardi

    Il viaggio telepatico della mattina è stato molto intenso e profondo, con connessione ai popoli antichi.
    Grazie a Marko e tutti per questa grande opportunità ed esperienza di guarigione. Dona Ada

  2. Dina Girardi

    Il viaggio telepatico della mattina è stato molto intenso e profondo, con connessione ai popoli antichi.
    Grazie a Marko e tutti per questa grande opportunità ed esperienza di guarigione. Dina Ada

  3. Maria Cristina Borselli

    MariaCristina Borselli.
    SABATO 11
    È stato interessante preparare un pullman eterico.
    9,20 Sintonizzazione con la Bosnia alle Cascate di Jajce.
    – Liberazione dalla siccità della cultura moderna:
    – Il gruppo era immerso in goccioline d’acqua, poi abbiamo raccolto l’acqua e ci siamo battezzati (rovesciandoci l’acqua sulla testa), l’acqua era dorata, e poi abbiamo battezzato anche altre persone. È stata una sensazione di semplicità e unione.
    9,30 piramidi Visoko.
    – Benessere fra i Megaliti e radicamento sentendo la lava sotto i piedi.
    – Sono stata prima nella Piramide della Luna: scioglimento degli ostacoli femminili negli umani.
    – Si è sciolta la staticità e incomprensione.
    – è arrivata: gentilezza, presenza e risveglio.
    – Piramide del Sole: tanta luce e rarefazione delle cose pesanti attraverso la luce abbagliante del sole e le sue infinite particelle.
    – Piramide del Drago: una grande forza mi teneva diritta e fortemente radicata fra terra e cielo.
    10,00 Visita a Zavidovici.
    Sono entrata dentro ad una delle sfere di pietra, era uno spazio magnetico e risonante, mi sono seduta in meditazione e è arrivato nelle mie mani una piccola pietra “Boji”, il mio stato meditativo si è approfondito e irraggiavo qualità di magnetismo e risonanza; resilienza, espansione, bellezza dello spirito, radicamento e sacralità.
    10.20 Sarajevo.
    – rituale della Lacrima della Grazia: quando è scesa la mia lacrima mi sono sentita come un germoglio che scendeva nella terra, ero in mezzo al fiume e sono andata sul fondo del fiume, in una posizione di prostrazione e li ho lasciato la mia lacrima (sferica); la lacrima è stata assorbita dal fondo del fiume. Poi è salita una lacrima dal fondale del fiume, una goccia l’ho presa fra le mani, avevo la mia lacrima sfera e la goccia insieme. Lentamente sono risalita dal fiume, srotolandomi, ho messo le mani verso il cielo ed è arrivata una scintilla di grazia nelle mani. Tutto si è mescolato ed è diventato una sfera grande, una medicina omeopatica, e l’ho soffiata nel mondo.
    Poi è salito il Sole dal fondo del fiume sulle pareti della diga, poi tutto si è illuminato e poi tutta l’Europa si è illuminata di Sole.
    15.20 Mostar
    – Eravamo tutti in fila sul ponte, mano nella mano, girati uno da un lato e uno dall’altro e abbiamo mandato dai nostri cuori come mille Soli, tantissima Luce d’Amore.
    15.30 Medjugorje
    Dal cerchio della piazza, è arrivata la sfera con tante piccole microsfere di benedizione, tantissime. Poi tenendoci per mano siamo usciti dalla piazza e siamo andati sul monte vicino a Medjugorje, l’abbiamo scalato rimanendo in fila e per mano, e poi siamo scesi, sempre per mano ed in fila.
    Uno spazio naturale d’amore e di unione.
    15,50 Stolac
    – I fili discendenti d’argento, e i fili ascendenti d’oro, hanno creato un pattern di energia come una fitta pioggia di energia oro e argento; delicata e leggera. Mi sono sentita come dentro uno Spazio Sapiente, rilassata e serena.
    Domenica 12 Luglio 2020
    9,00 Lago Bohinj.
    – Molto vivo il cerchio intorno al Lago, ed è andato molto bene il vortice che raccoglieva la cultura alienante, di tutti noi e di tutta Europa e forse del mondo. A volte ero disturbata, e altre sentivo la schiena che diventava leggera. Noi eravamo uniti e sincronizzati, siamo andati in profondità nel lago e tutto è andato nel tunnel, quando siamo tornati in superficie, avevamo intorno a noi una membrana protettiva molto forte. Io mi sono fatta male dentro la scapola destra e ginocchio destro, poi nella pausa è passato il dolore.
    10.20 Lago Bled e chiesa dedicata a Maria.
    – L’esercizio è andato molto bene, riguardo alla proiezione della bellezza del cuore. Invece è stato difficile comprendere la memoria atomica, e inoltre qualcosa mi disturbava, poi ricominciava la bellezza dei cuori a risplendere, si formava un mandala con i raggi delle energie dei nostri cuori.
    10.30 membrana della nuova realtà. Sorgente del fiume Zelenci.
    Grande stabilità e semplicità nell’unione con tutti noi. Come una cosa abituale.
    10.50 per i bambini. Esercizio: Lacrima della Grazia.
    1) è venuto un rimedio corposo, nutriente d’amore che guarisce il dolore fisico e interiore, e la cecità del cuore.
    2) è venuto un rimedio viola leggero e fluido; guarisce l’ignoranza, la tirannia, l’oppressione e scioglie le cristallizzazioni dei cuori; scendevano lacrime di adulti, per il loro bambino interiore.
    3) è venuto un rimedio dolce come l’ambrosia, dalla grazia è sceso un piccolo neonato d’oro, il rimedio è diventato luminoso e ha creato leggerezza e sofficità.
    Fine. Grazie. A presto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *